Dubai: aprire una società, cosa significa

Gli obiettivi e le frontiere del business sono in continuo movimento e presuppongono una dinamica evoluzione sia in termini del cosiddetto essere al passo con i tempi, sia in termini di spendibilità e concretezza dell’opportunità perseguita.
Aprire una società da zero è un’operazione molto difficile che richiede un impegno ed un coinvolgimento costante e che impone di porre attenzione a varie problematiche che possono sorgere in ogni fase di attivazione della stessa.
Aprire una società all’estero può, da un lato, ampliare notevolmente i margini di diffusione capillare dell’informazione e del settore prescelto, dall’altro lato però è essenziale conoscere approfonditamente il regolamento e le leggi del paese in cui viene dislocata l’attività, per non incorrere in business sbagliati o poco studiati.
Il presente articolo ha lo scopo di illustrarvi una panoramica generale relativa all’apertura di una attività estera a Dubai.

Aprire una attività o una società a Dubai: come fare, consigli utili

Aprire una attività a Dubai non è un’operazione facile in quanto è necessario studiare con attenzione tutte le tipologie di impegni lavorativi e di società che è possibile costituire.
Per aprire una società a Dubai infatti, è possibile scegliere tra più di cinquanta tipologie di Authority ovvero formule giuridiche diverse sia per modalità di costituzione, sia per statuto generale che per regolamento interno.
Inoltre, per procedere con una costituzione di una società a Dubai, sono richiesti dei requisiti minimi sia in termini di capitale sociale apportato, sia in termini di tempi di costituzione.

Per capire come aprire una attività a Dubai (approfondisci qui https://danielepescaraconsultancy.com/aprire-societa-a-dubai/) è quindi fortemente consigliabile rivolgersi a professionisti esperti nel settore quali Banche, Authority governative o Finanziarie, che saranno in grado di esporvi quali sono le strade migliori e più sicure da percorrere, per non incorrere in spiacevoli sorprese.
E’ molto importante poi specificare che esistono società di questo tipo anche all’interno degli stessi Emirati Arabi Uniti e che è quindi possibile ricevere un doppio aiuto, sia dal paese di provenienza, sia dal paese di collocazione dell’attività.
In media la costituzione di una società a Dubai richiede dopo più di un giorno, circa trentasei ore, anche se le tempistiche possono essere differenti in casi specifici in cui l’analisi e l’avvio di una attività necessitano di ulteriori controlli e step.

Generalmente comunque le principali operazioni che vengono attuate nelle trentasei ore iniziali sono: creazione di un account bancario, espletamento della burocrazia inerente il visto di residenza, autorizzazione all’accesso al proprio credito e la costituzione di investimenti internazionali.
Come già detto, le tipologie di forma giuridica con le quali è possibile costituire una società a Dubai sono molteplici e per alcune di queste ci sono delle caratteristiche peculiari che devono essere rispettate e, se il neo investitore ne è privo, inficiano in partenza la costituzione della società.
Parliamo essenzialmente di capitale sociale e documentazione per la costituzione.

Per alcune tipologie di forma giuridica infatti è condizione necessaria il possesso di un certo tipo di documentazione che può richiedere tempistiche estremamente lunghe per essere sia accettata che poi prodotta.
Per altre tipologie invece è sufficiente il passaporto con una validità superiore a 12 mesi e semplicemente l’apposizione di una firma.
Investire ed aprire una società a Dubai porta sicuramente a margini di guadagno molto elevati se l’attività decolla e parte nel modo corretto, ma è bene specificare che creare un business negli Emirati Arabi Uniti non è un’operazione accessibile a tutti.

E’ vero che alcune tipologie di forma giuridica non prevedono l’utilizzo di un capitale sociale iniziale elevato, ma il business a Dubai è considerato comunque elitario e per questo non è sufficiente investire una quantità limitata di risorse.
La tassazione di un’impresa negli Emirati Arabi Uniti varia da uno zero a un quindici percento e il tenore di vita è molto elevato, per questo è importante considerare e valutare non solo la costituzione della società in sé, ma anche la possibilità economica o meno di poter risiedere stabilmente in un paese in cui la ricchezza è all’ordine del giorno ed è considerata normalità.